Pfizer ha presentato HEMOCRAFT, il mod di Minecraft

HEMOCRAFT, il mod sviluppato da Pfizer per Minecraft

Pfizer ha lanciato nei mesi scorsi un “mod” del popolare videogame Minecraft, offrendo ai bimbi affetti da emofilia un nuovo modo di apprendere come rimanere in salute, come essere preparati ad affrontare la malattia e come mantenere le disposizioni del proprio personale piano di trattamenti medici.

Mostrato per la prima volta alla conferenza annuale della National Hemophilia Foundation, nella città di Chicago (Stati Uniti d’America), il gioco si chiama HEMOCRAFT ed è stato sviluppato in partnership con l’Entrepreneurial Game Studio della Drexel University, la stessa NHF ed altri membri istituzionali della comunità medica che intendono affrontare gli esiti dell’emofilia.

Scaricabile gratuitamente dal sito-web Hemophilia Village, il mod richiede tuttavia l’acquisto e l’installazione preventiva del gioco Minecraft (che conferisce all’utente il diritto di utilizzare tutti i mod disponibili per il videogame).

Questo mod, in effetti, non è altro che un adattamento in versione ludica dei corsi forniti dalla NHF per i propri utenti più giovani e funziona congiuntamente all’engine di Minecraft. Mirato principalmente al target tra gli otto e i sedici anni di età, offre un ambientazione simulata pensata per essere divertente ed educativa in relazione ai pazienti affetti da emofilia, con lo scopo dichiarato di voler migliorare le conoscenze e la preparazione di tali pazienti rispetto alla loro malattia ed ai trattamenti medici che dovranno affrontare ogni giorno.

HEMOCRAFT a chi si rivolge?

“Questo tipo di innovazioni digitali può essere integrato nella routine di tutti i giorni per aiutare le persone affette da emofilia, in maniera da fornire loro la capacità di apprendere nozioni e tracciare differenti aspetti rilevanti relativi alla propria malattia, in modo che quelle stesse persone possano adeguatamente sostenere conversazioni informate con il personale sanitario che provvede alla loro salute.” ha dichiarato Kevin W. Williams, ufficiale-capo sanitario della sezione Rare Disease (malattie rare) di Pfizer.

L’applicazione ludica si rivolge non soltanto ai pazienti “ma, cosa altrettanto importante, ai loro amici e alle loro famiglie, per comprendere meglio i concetti relativi ai livelli di fattori sanguigni in maniera da mantenere la capacità di rimanere attivi, e quindi per rimanere in gioco.” ha dichiarato Kate Nammacher, direttore superiore del settore educazione presso la National Hemophilia Foundation.

Lo sviluppo di questa applicazione sembra voler riflettere l’impegno di Pfizer nell’educazione sanitaria della propria clientela, che va guidata verso un livello di consapevolezza più elevato nei confronti delle proprie affezioni, per un utilizzo più responsabile dei trattamenti farmacologici.

0 Comments

Leave a reply

CONTACT US

Send us an email and we'll get back to you, asap.

Sending

©2018 PLAY the BUSINESS Hub di Aziende nel settore della Gamification e dell' Innovation nel Business. Sito a cura di logo2x-white

error: Content is protected !!
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account